[Risolto] SSD Samsung non Viene Riconosciuto su Windows

Dai primi sintomi alle soluzioni avanzate, segui questa guida dettagliata per recuperare e far riconoscere il tuo SSD Samsung sul sistema operativo Windows. Ripristina la funzionalità del tuo dispositivo di archiviazione con le soluzioni efficaci fornite
SSD Samsung non Viene Riconosciuto su Windows

Il problema della visibilità di un SSD Samsung su Windows può essere fonte di stress, specialmente quando si cerca di aggiornare il computer o aggiungere un disco secondario. In questo articolo, esploreremo le potenziali cause di questo problema e forniremo soluzioni dettagliate. Approfondiremo anche il processo di formattazione di un SSD Samsung, utilizzando vari metodi, tra cui lo strumento Disk Management, la creazione e la formattazione di una partizione, e l’utilizzo del Prompt dei comandi.

Cause per cui il tuo SSD Samsung non viene Riconosciuto su Windows

Gli SSD Samsung, noti per la loro affidabilità e miglioramento delle prestazioni del computer, potrebbero non essere esenti da errori e potrebbero non comparire nei computer Windows per diverse ragioni, come:

  1. Problemi Hardware: La connessione del SSD alla scheda madre o all’alimentazione potrebbe non essere corretta, includendo danni fisici e malfunzionamenti del drive.
  2. Driver Obsoleti o Corrotti: I driver del SSD potrebbero essere obsoleti o corrotti, causando il fallimento nel riconoscimento del sistema.
  3. Impostazioni BIOS: Le impostazioni BIOS potrebbero non essere corrette per riconoscere il SSD. Il controller SATA potrebbe essere impostato su una modalità errata, o l’Hot Plug-in potrebbe essere disattivato.
  4. Problemi di Inizializzazione o Partizionamento del Disco: Il nuovo SSD potrebbe apparire solo in This PC, Disk Manager o BIOS se è stato inizializzato o partizionato. Inoltre, la lettera del drive potrebbe mancare o essere in conflitto con un altro disco.
  5. Problemi Firmware: Questo problema è legato a problemi logici del drive, come problemi di compatibilità tra il drive e il software o altri componenti del computer.

Come Risolvere l’Assenza del SSD Samsung su Windows 10/11

Il troubleshooting e l’ottimizzazione delle prestazioni di un SSD in un ambiente Windows possono essere task critici per garantire funzionalità e affidabilità senza problemi. Questa guida completa fornisce approfondimenti sulla risoluzione di problemi comuni legati al riconoscimento del disco, alla formattazione e all’aggiornamento dei driver.

Soluzione 1: Verificare la Connessione del SSD Samsung

Se il tuo SSD non è correttamente collegato alla scheda madre del computer, non comparirà nel sistema. Puoi verificarlo prima di aprire il case tramite il Device Manager e il Disk Management.

Device Manager

  • Fai clic con il tasto destro sul menu Start di Windows e seleziona “Gestione Dispositivi”.
  • Cerca la categoria “Unità Disco” e espandila per visualizzare i dispositivi collegati al tuo computer.

Disk Management

  • Fai clic con il tasto destro su “Questo PC” e seleziona “Gestisci”.
  • Successivamente, fai clic su “Gestione Disco” e cerca il tuo SSD Samsung.

Verifica del Connettore SATA

  • Se stai utilizzando un SSD SATA e non lo trovi in Disk o Device Management, è il momento di aprire il computer.
  • Assicurati che il connettore SATA sulla scheda madre non contenga detriti o danni ed è correttamente collegato.

Soluzione 2: Verificare l’Hardware Difettoso

L’esecuzione del Risolutore Problemi Hardware e Dispositivi può aiutare a identificare e risolvere problemi hardware sul tuo computer Windows. Questo può essere utile per diagnosticare e potenzialmente risolvere problemi legati all’hardware difettoso.

Passaggi per Eseguire il Risolutore Problemi Hardware e Dispositivi:

Accesso tramite Impostazioni (Windows 10):

  • Apri le Impostazioni e vai a “Aggiornamento e sicurezza”.
  • Fai clic su Risoluzione Problemi e seleziona Hardware e Dispositivi.
  • Segui le istruzioni sullo schermo per eseguire la scansione e risolvere eventuali problemi hardware rilevati.

Accesso tramite Pannello di Controllo (Windows 8/7):

  • Apri il Pannello di Controllo e vai a Hardware e Suoni.
  • Seleziona “Configura un dispositivo” per accedere al Risolutore Problemi Hardware.

Accesso tramite Prompt dei Comandi:

  • Se il Risolutore Problemi Hardware e Dispositivi è assente, puoi eseguirlo tramite il Prompt dei Comandi. Avvia il Prompt dei Comandi come amministratore.
  • Digita o incolla il comando “msdt.exe -id DeviceDiagnostic” per avviare il risolutore. Si aprirà una nuova finestra. Clicca per iniziare la scansione del sistema.

Soluzione 3: Assegnare una Nuova Lettera di Unità al SSD

Assegnando una nuova lettera di unità al tuo SSD Samsung, puoi risolvere problemi legati al riconoscimento del drive.

  • Fai clic con il tasto destro su “Questo PC”, seleziona “Gestisci” e quindi “Gestione Disco”.
  • Trova il SSD Samsung, fai clic con il tasto destro e seleziona “Cambia Lettera e Percorsi Unità”.
  • Nella finestra di dialogo che appare, fai clic su “Cambia” e seleziona “Assegna la seguente lettera di unità”. Scegli una nuova lettera di unità per il tuo SSD.
  • Dopo aver assegnato la nuova lettera di unità, apri “Questo PC” per verificare se il computer riconosce il disco.

Soluzione 4: Creare una Nuova Partizione sul SSD

Simile all’assegnazione di una nuova lettera di unità, la creazione di una nuova partizione sul tuo SSD Samsung può risolvere problemi legati al riconoscimento del drive.

  • Fai clic con il tasto destro su “Questo PC”, seleziona “Gestisci” e quindi “Gestione Disco”.
  • Trova il SSD Samsung, fai clic con il tasto destro e seleziona “Nuovo Volume Semplice”.
  • Nel Wizard Nuovo Volume Semplice, seleziona “Avanti”.
  • Inserisci la dimensione della partizione in megabyte (MB) o accetta la dimensione predefinita massima, quindi seleziona “Avanti”.
  • Accetta la lettera di unità predefinita o scegli una lettera di unità diversa per identificare la partizione, quindi seleziona “Avanti”.
  • Nella finestra di dialogo “Formatta Partizione”, seleziona il sistema di file che desideri utilizzare, come NTFS, quindi seleziona “Avanti”.
  • Rivedi le tue scelte e seleziona “Fine”.
  • Dopo aver creato la nuova partizione, apri “Questo PC” per verificare se il computer riconosce il disco.

Soluzione 5: Inizializzare il SSD Samsung

Quando aggiungi un nuovo SSD al tuo computer, spesso devi inizializzarlo. Per inizializzare il tuo SSD Samsung e poterlo utilizzare, segui questi passaggi:

  • Fai clic con il tasto destro su “Questo PC”, seleziona “Gestisci” e quindi “Gestione Disco”.
  • Trova il SSD, fai clic con il tasto destro e seleziona “Inizializza Disco”.
  • Nella finestra di dialogo Inizializza Disco, scegli lo stile di partizione come MBR o GPT, quindi fai clic su OK.
  • Dopo aver inizializzato il disco, fai clic con il tasto destro sullo spazio non allocato sul disco e seleziona “Nuovo Volume Semplice”. Segui le istruzioni per creare una nuova partizione sul SSD Samsung.

Soluzione 6: Aggiornare i Driver del SSD

Mantenere i driver aggiornati può prevenire molti errori e garantire che i dispositivi vengano sempre riconosciuti. Questo processo è cruciale per assicurare le prestazioni ottimali e la stabilità del tuo SSD.

Suggerimento: Se incontri problemi durante il processo di aggiornamento, è consigliabile cercare assistenza dal supporto Samsung.

Procedura per Aggiornare i Driver del SSD Samsung:

  • Inizia scaricando l’ultima versione del software Samsung Magician dal sito ufficiale di Samsung.
  • Estrai il pacchetto scaricato ed esegui l’installazione guidata per installare il software Samsung Magician sul tuo computer.
  • Avvia il software Samsung Magician e vai alla scheda di aggiornamento all’interno dell’applicazione.
  • Scarica gli ultimi aggiornamenti del firmware per il tuo SSD Samsung nella scheda di aggiornamento. Segui le istruzioni sullo schermo per installare gli aggiornamenti.
  • Dopo che tutti gli aggiornamenti del firmware sono completati, riavvia il computer per applicare le modifiche.

Soluzione 7: Configurare le Impostazioni del BIOS

Il BIOS è responsabile del rilevamento e dell’inizializzazione dei componenti hardware, inclusi i dispositivi di archiviazione come gli SSD. Se le impostazioni del BIOS sono errate o obsolete, possono verificarsi problemi di rilevamento del SSD, e il dispositivo potrebbe non apparire nel BIOS.

Suggerimento: È importante fare attenzione quando si modificano le impostazioni del BIOS, poiché modifiche errate possono influire sulla stabilità e sul funzionamento del computer. Se non sei sicuro delle impostazioni specifiche, è consigliabile cercare assistenza da un professionista o dal produttore del computer.

Soluzioni per Configurare le Impostazioni del BIOS:

  1. Aggiornare il BIOS:
    • Verifica la versione attuale del BIOS consultando il sito web del produttore o utilizzando uno strumento di informazioni di sistema.
    • Ottieni l’ultima versione del BIOS dal sito web del produttore.
    • Crea un’unità USB avviabile con i file di aggiornamento del BIOS utilizzando uno strumento di terze parti.
    • Riavvia il computer e accedi al setup del BIOS premendo il tasto appropriato durante l’avvio.
    • Nella configurazione del BIOS, vai all’opzione “Aggiorna” o “Flash” e seleziona l’unità USB come origine per i file di aggiornamento.
    • Segui le istruzioni sullo schermo per aggiornare il BIOS.
    • Dopo che l’aggiornamento del BIOS è completo, riavvia il computer per applicare le modifiche.
  2. Abilitare Hot Plug-in:
    • Riavvia il computer e accedi al setup del BIOS.
    • Nella configurazione del BIOS, vai al menu “Configurazione SATA” o “Configurazione Archiviazione”.
    • Cerca un’opzione per abilitare il collegamento a caldo per i dispositivi SATA. L’opzione potrebbe essere etichettata come “Hot Plug,” “Hot Swap,” o “AHCI Hot Plug.” Abilita questa opzione per consentire il collegamento a caldo dei dispositivi SATA.
    • Dopo aver apportato le modifiche, assicurati di salvare le impostazioni prima di uscire dalla configurazione del BIOS.
  3. Configurare la Modalità del Controller SATA:
    • Riavvia il computer e accedi al setup del BIOS.
    • Nella configurazione del BIOS, individua il menu “Configurazione SATA” o “Configurazione Archiviazione”.
    • All’interno del menu Configurazione SATA, scegli l’impostazione Modalità del Controller SATA. Le opzioni comuni includono AHCI (Advanced Host Controller Interface), IDE (Integrated Drive Electronics) o RAID (Redundant Array of Independent Disks).
    • Dopo aver selezionato la Modalità del Controller SATA desiderata, salva le impostazioni prima di uscire dalla configurazione del BIOS.
  4. Aggiornare il Firmware UEFI:
    • Verifica la versione corrente del firmware UEFI utilizzando lo strumento Informazioni Sistema su Windows o accedendo al menu del BIOS/UEFI.
    • Ottieni l’ultimo aggiornamento del firmware UEFI dal sito ufficiale del produttore.
    • Copia i file di aggiornamento del firmware UEFI su un’unità USB avviabile con una partizione FAT32.
    • Riavvia il computer e accedi al setup del BIOS/UEFI premendo il tasto appropriato durante l’avvio.
    • Nella configurazione del BIOS/UEFI, vai all’opzione di aggiornamento o flash e seleziona l’unità USB come origine per i file di aggiornamento.
    • Segui le istruzioni sullo schermo per aggiornare il firmware UEFI.
    • Dopo che l’aggiornamento del firmware UEFI è completo, riavvia il computer per applicare le modifiche.

Soluzione 8: Formattare il SSD Samsung

La formattazione del SSD risolve gli errori che impediscono il corretto funzionamento e consente di impostare il file system corretto, come NTFS o FAT32. Per formattare un SSD, puoi utilizzare vari metodi, tra cui gli strumenti integrati di Windows o software di terze parti.

ATTENZIONE: la formattazione cancellerà tutti i dati sul tuo dispositivo, quindi non procedere se non hai un backup dei tuoi file.

Procedura per Formattare il SSD Samsung:

  1. Fai clic con il tasto destro sul menu Start di Windows e seleziona “Gestione Disco” per aprire l’interfaccia Gestione Disco.
  2. Trova il tuo SSD Samsung e fai clic con il tasto destro sulla partizione che desideri formattare.
  3. Scegli l’opzione “Formatta”.
  4. Specifica l’etichetta del volume, il sistema di file e la dimensione dell’unità di allocazione se necessario, quindi fai clic su “OK” per avviare il processo di formattazione.
  5. Se incontri problemi con il tuo SSD Samsung, cerca assistenza da un professionista o dal supporto Samsung. Se hai perso i dati durante la risoluzione del problema, contatta un fornitore di servizi di recupero dati SSD, come RecDati, per recuperare i tuoi file persi.
Luca Rossi

Luca Rossi

Esperto appassionato di informatica, con una specializzazione nel campo del recupero dati e della sicurezza digitale. Da diversi anni contribuisco come content creator presso RecDati.

Ti potrebbe interessare anche...

Cosa Fare se Hai Versato Dell'Acqua sul Notebook

Cosa Fare se Hai Versato Dell’Acqua sul Notebook

Scopri cosa fare immediatamente dopo aver rovesciato acqua sul tuo notebook con questa guida dettagliata. Segui passo dopo passo le istruzioni per minimizzare i danni, salvare il dispositivo e proteggere i tuoi dati.

Come Ricostruire un RAID Fallito senza Perdere Dati

Come Ricostruire un RAID Guasto senza Perdere Dati

Scopri come affrontare e ricostruire un RAID fallito con successo. Naviga attraverso i passaggi chiave per recuperare i dati critici e ripristinare l’integrità del tuo sistema di archiviazione RAID. Una guida essenziale per superare le sfide della perdita di dati e garantire una rapida ripresa dell’operatività del tuo array RAID.

Come Effettuare il Backup di un Server: Guida Definitiva

Come Effettuare il Backup di un Server: Guida Definitiva

Scopri i metodi avanzati e le destinazioni strategiche per il backup del server nella nostra guida completa. Proteggi i tuoi dati aziendali con efficacia, garantendo sicurezza, continuità operativa e ripristino veloce. Consulta ora RecDati per il tuo partner affidabile nel recupero dati da server.

SSD Samsung non Compare su Windows

[Risolto] SSD Samsung non Compare su Windows

Il tuo SSD Samsung non compare su Windows? Scopri le soluzioni a questo problema comune. Da aggiornamenti del driver a verifiche hardware, segui i nostri consigli per ripristinare la visibilità del tuo SSD su Windows. Risolvi ora i problemi di riconoscimento del dispositivo!

Ticchettio Hard Disk Che cosa fare

Perché l’hard disk fa rumore?

Scopri le cause del rumore del disco rigido e comprendi se è un segno di un problema serio. Analizziamo i fattori hardware e software, come danni fisici, usura e rottura, piatti danneggiati e altro. Non rischiare la perdita permanente, agisci oggi con un team specializzato nel ripristino dei dischi rigidi.